Skip to main content

Gianfranco Passalacqua sul confronto con i 5 Stelle

Il confronto coi 5 Stelle, intesi come movimento politico, postula una condizione pregiudiziale e non trattabile. L’abbandono da parte loro, ed in primis dei loro massimi esponenti, di un pericoloso e totalitario spirito settario. I buoni contro i cattivi. Gli onesti contro i delinquenti.

È una deriva troppo spesso praticata in Italia, che ha condotto ad esperienze ed esperimenti non qualificanti. So che nei vertici dei 5S ci sono persone di qualità, aperte e capaci di dialogo. Vengano allo scoperto, ma non tatticamente per racimolare qualche voto parlamentare, peraltro risultando poco credibili, ma per riconoscere finalmente la nobiltà della Politica, la assoluta nocività di un manicheismo che finisce per premiare i peggiori.

L’ostilità alla democrazia rappresentativa ed alla politica quale strumento di composizione oggi si rivela un boomerang, nel momento in cui serve trovare il bandolo di una matassa cui sono legati i destini di un paese.

A parte le fumisterie sul reddito di cittadinanza, è necessario sapere quali sono i programmi su Fisco, Europa, sicurezza, welfare, politica estera, pubblica amministrazione, ambiente, sviluppo economico, giustizia. L’Italia civile non si costruisce additando nemici, ma costruendo dialogo.

Gianfranco Passalacqua

Per chi si fosse perso il convegno del 25 marzo, il video integrale

Grazie a Radio Radicale che ha ripreso e trasmesso in diretta l’evento.

Link al video: https://www.radioradicale.it/scheda/536452/democratici-e-liberali-per-un-nuovo-riformismo-europeo-nella-stagione-della


Sono intervenuti: Gianfranco Passalacqua (coordinatore Nazionale di Sinistra Liberale), Alessandro Pilotti (membro di Sinistra Liberale), Christophe Castaner (secrétaire d’État auprès du Premier ministre, chargé des Relations avec le Parlement (France)), Sandro Gozi (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega agli Affari Europei, Partito Democratico), Giuseppe Facchetti (membro dei Liberal PD), Tobia Zevi, Valentina Grippo (consigliere della Regione Lazio, Partito Democratico), David Bogi (segretario generale dei Liberal PD), Gianpaolo Galli (economista), Eugenio Patanè (consigliere della Regione Lazio, Partito Democratico), Filippo Di Robilant (analista di politica internazionale), Simona Clivia Zucchett (responsabile Diritti Civili dei Liberal PD), Leonardo Dini (membro del Dipartimento Esteri, Partito Democratico), Tommaso Currò, Gianmarco Brenelli (avvocato penalista), Franco Oriti, Carlo Cotticelli (tesoriere di Roma, Partito Democratico), Alberto D’Alessandro (membro dell’Ufficio di Presidenza del CIME (Consiglio Italiano del Movimento Europeo)), Tommaso Migliaccio (coordinatore dei Liberal PD dell’Emilia Romagna), Fabio Galluccio, Damiani, Lucia Pinsone, Paolo Di Cesare.

Tra gli argomenti discussi: Amazon, Antieuropeismo, Berlusconi, Bosnia, Canada, Carcere, Censis, Centro, Commercio, Consiglio D’europa, Curdi, Dayton, Dc, Democrazia, Destra, Di Maio, Dirigenti, Diritti Civili, Diritti Sociali, Diritti Umani, Discriminazione, Elezioni, Enti Locali, Erdogan, Europa, Francia, Gentiloni, Germania, Giovani, Gioventu’ Liberale, Giustizia, Governo, Gozi, Guerra, Hayek, Italia, Jugoslavia, Laicita’, Lavoro, Lega Nord, Legge Elettorale, Liberalismo, Macron, Manconi, Merkel, Mises, Movimento 5 Stelle, Nazionalismo, Obama, Onu, Panebianco, Partiti, Partito Democratico, Pli, Politica, Politiche 2018, Polonia, Proporzionale, Razzismo, Religione, Riforme, Salvini, Sarajevo, Sicurezza, Sinistra, Sinistra Liberale, Siria, Societa’, Storia, Sud, Sviluppo, Tecnologia, Territorio, Totalitarismo, Trump, Turchia, Unar, Ungheria, Unione Europea, Usa, Violenza, Xi Jinping.

Repubblica – Pd, mediazione di Martina: Delrio e Marcucci capigruppo di Camera e Senato

Gianfranco Passalacqua

“Marcucci e Del Rio scelte giuste”

“Due figure di alto profilo, caratterizzate da propensione all’ascolto e al dialogo, esperte e dotate di equilibrio.”

“Particolare compiacimento personale ed umano per la scelta di Andrea Marcucci, un liberale sincero, un democratico maturo, un uomo delle istituzioni con una non comune capacità di leggere la realtà italiana. Il mio compiacimento è quello di tutta Sinistra Liberale, che ha sempre avuto in Andrea Marcucci un sodale, un amico, un punto di riferimento.”

Così ha dichiarato Gianfranco Passalacqua, coordinatore nazionale di Sinistra Liberale.

 

Da Repubblica:

Il ministro dei Trasporti uscente presiederà il gruppo dem in Parlamento. Il fedelissimo di Renzi quello di Palazzo Madama. Evitata una nuova conta e una probabile spaccatura nel partito. Il segretario reggente: “Habemus papam”


ROMA – Graziano Delrio alla Camera e Andrea Marcucci al Senato. Questa la proposta avanzata dal segretario reggente del Pd, Maurizio Martina, e approvata dalle assemblee dei deputati e dei senatori dem. Una mediazione che ha evitato una nuova conta e una probabile spaccatura nel partito.

“Vogliamo provare tutti insieme a dare un segnale di squadra e l’unità è il presupposto per costruire il rilancio del Pd. Per questo le due proposte che vi presento per i capigruppo sono fatte con questo spirito”, ha detto Martina all’assemblea del gruppo alla Camera, ponendo una sorta di ‘fiducia’ sui due nomi.

Leggi l’articolo completo su Repubblica

Democratici e Liberali per un nuovo riformismo aperto, moderno, europeo

Sinistra Liberale, associazione di cultura politica da sempre impegnata a promuovere il liberalismo riformatore, in occasione dell’anniversario dei trattati di Roma, ed all’esito delle elezioni politiche dello scorso 4 marzo, promuove un incontro a Roma il prossimo 25 marzo, al Centro Congressi Cavour.

Decine ad oggi le adesioni da ogni parte d’Italia.

 

Gianfranco Passalacqua

Siamo sempre più convinti che anche in Italia risulti centrale costruire, su basi moderne ed europee, una area riformatrice ampia ed articolata che non risponda a richiami identitari e fetiscistici, ma si colleghi , in continuità dinamica con le politiche portate avanti da Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, ad esperienze europee affini, da En marche di Emmanuel Macron a Ciudadanos di Albert Rivera, per costruire una nuova appartenenza di respiro europeo,  che raccolga e dia rappresentanza, oltre le consuete categorie, a coloro che credono nell’Europa e nella società aperta.

Così Gianfranco Passalacqua, coordinatore nazionale di Sinistra Liberale.

 

La relazione introduttiva sarà affidata a Sandro Gozi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli affari europei, da sempre impegnato sui temi cari al riformismo liberale europeo.

Molte le adesioni.
Da Andrea Marcucci, senatore democratico, a Giampaolo Galli, economista già direttore generale di Confindustria, ad Eugenio Patanè e Valentina Grippo, consiglieri regionali del Lazio nelle file del PD, passando per Tobia Zevi, membro dell’assemblea nazionale del Pd, a David Bogi, segretario generale di liberal PD, a Beppe Facchetti, già parlamentare liberale e quindi tra i fondatori dell’Ulivo e poi del PD.