Skip to main content

Passalacqua: Sinistra Liberale con la Brigata Ebraica

Ogni 25 aprile, giorno della liberazione dell’Italia dal nazifascismo, tornano puntuali le discussioni sulla partecipazione ai cortei dello striscione della Brigata Ebraica, che fu attiva in Italia nella liberazione dal nazifascismo. In molti casi, la partecipazione è stata accompagnata da intimidazioni, minacce ed insulti.
In particolare alcune sigle, certo non rappresentative delle spirito che deve animare i custodi di quel tragico momento storico, in passato, avrebbero preferito che i vessilli della Brigata Ebraica fossero esclusi dai cortei, come se non fossero degni di sfilare.
Questo per compiacere gruppi che nulla hanno a che vedere con la liberazione dalla barbarie nazi fascista, ed invece strumentalmente impegnati in iniziative anti israeliane, antisioniste, antiebraiche, spesso contraddittoriamente esaltando figure che invece del rapporto organico col nazifascismo fecero motivo di vanto. Basti pensare al gran Mufti di Gerusalemme di quegli anni, fedele alleato di Hitler.

Sinistra Liberale nel confermare la sua vicinanza alle ragioni delle iniziative che ricordano la liberazione,  invita i responsabili delle celebrazioni del 25 aprile, l’ANPI ed i Comuni interessati a voler tutelare la partecipazione di chi ricorda il sacrificio della Brigata Ebraica ed a voler isolare chi partecipa alle celebrazioni con simboli e bandiere estranee alla memoria della liberazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: